Presentazione della Nuova Medicina Germanica

Dalla Presentazione della Nuova Medicina Germanica® del dott. Geerd Hamer
“La Nuova Medicina Germanica (come si chiama adesso), che ho scoperto nel 1981, è una scienza severa che contiene solo 5 leggi biologiche della natura (e nessuna ipotesi), con le quali si può riprodurre in modo severamente scientifico ogni caso clinico. Questo è stato inoltre dimostrato e ufficialmente verificato nell’università di Trnava (Slovacchia) in data 8 e 9 settembre 1998. La Nuova Medicina Germanica Biologica descrive esattamente il contesto medico biologico dell’organismo vivente come unità di psiche, cervello e organo. Tutti i processi da psiche e organo sono connessi al cervello dove vengono coordinati. Il cervello è per così dire il computer del nostro organismo, la psiche diventa il programmatore, corpo e psiche diventano l’organo esecutore del computer sia nella programmazione disturbata. Infatti non è per niente solo così che la psiche programma cervello e organo, ma l’organo è anche in grado in caso di lesioni di indurre quasi automaticamente una programmazione del cervello e della psiche. In questo si differenzia la Nuova Medicina Germanica da tutte le altre discipline mediche soprattutto della medicina ufficiale. La Nuova Medicina Germanica è una scienza naturale empirica basata su 5 leggi biologiche della natura, le quali sono sempre esistite ed esisteranno sempre e sono solamente state riscoperte da me. Sono valide per l’uomo, animale e pianta, perfino per gli organismi unicellulari, per l’intero cosmo. Questo naturalmente è valido anche per le cosiddette malattie, perché queste fanno parte di un programma Speciale Biologico Sensato della natura (SBS) che normalmente è bifasico. Ignorare le 5 leggi biologiche della natura ci ha impedito di suddividere la medicina in modo sensato, vedere anche solo una singola malattia in modo sensato e valutarla….” (Geerd dott.Hamer). Il cancro non ha bisogno di essere vinto, esso deve solo essere capito.
LE CINQUE LEGGI BIOLOGICHE E LA MALATTIA
Le cinque leggi biologiche su cui si fonda la nuova medicina ci mostrano i criteri secondo i quali ogni malattia si genera e si sviluppa contemporaneamente ai tre livelli: psichico, cerebrale ed organico.

Hamer le definisce leggi in quanto verificabili sempre, in ogni paziente preso a caso e ovunque, sostenendo che se esse non trovassero conferma anche in soli due pazienti su cento, sarebbero da scartare ("clausola" che la medicina ufficiale non mette in ballo mai).



1a Legge (legge ferrea del cancro)
Ogni cancro, o malattia oncoequivalente, è generato da uno choc estremamente acuto, inaspettato, drammatico e vissuto nell'isolamento. Non conflitti normali, come quelli che tutti noi abbiamo, ma conflitti inattesi, traumatici, che non ci lasciano il tempo di reagire: quelli che Hamer chiama conflitti biologici. Esso si verifica contemporaneamente ai tre livelli: psichico, cerebrale ed organico. Nell'istante dello choc, cioè, contemporaneamente si localizza nello stato psicoemotivo della persona, nel cervello (focolaio di Hamer visibile con una TAC) e nell'organo. Anche il decorso della malattia è sincrono. Lo si può seguire contemporaneamente sui tre livelli sopradetti.
Per comprendere questa sincronicità mettete le vostre mani giunte come quando si prega: poi chiudete una delle due a pugno. Essa rappresenta il cervello, e l'altra il corpo. Immaginate ora le due mani come se si guardassero allo specchio: quando si verifica lo choc ciò che accade nell'uno accade anche nell'altro.
Questo fatto comporta due conseguenze importanti:

1) i mutamenti che si verificheranno durante la malattia avverranno contemporaneamente sui tre livelli;

2) conoscendo bene uno dei tre, si potranno determinare esattamente gli altri due: ciò significa che nel cervello, attraverso la lettura della TAC, troviamo sia il fotogramma che il filmato dell'evoluzione della malattia (un modo di leggerla, questo di Hamer, che ce ne ricorda altri, quali la riflessologia, l'iridologia, l'auricoloterapia, il massaggio zonale della mano e tanti ancora, tanti quanti sono i microcosmi di un organismo vivente, se è vero che nella più piccola cellula si può, o si potrà, leggere la storia dell'intero macrocosmo che la comprende).
2a Legge (decorso bifasico delle malattie, a condizione di arrivare alla soluzione del conflitto)
Lo choc interrompe il ritmo normale dell'alternarsi giorno/notte (normotonia). Dopo lo choc c'è un periodo di conflitto, di stress, in cui il tumore è attivo (ma di solito non ci si accorge): si dorme poco e male, non si ha fame non si suda, si fa poca pipì, si perde peso, piedi e mani sono freddi (simpaticotonia). Quando per una qualsiasi ragione, il conflitto finisce, segue la fase di riparazione chiamata anche di rilassamento, in cui si dorme tantissimo, si suda molto, si fa molta pipì, si mangia, si riacquista peso e si hanno piedi e mani calde (vagotonia). E' a questo punto che ci si accorge della "malattia". Nel mezzo di quest'ultima fase la vagotonia è interrotta dalla cosiddetta crisi epilettoide (infarto, embolia polmonare e l'ittero) che rappresenta la "virata di timone" verso il ritorno alla normalità. Da questo momento se la crisi epilettoide viene superata positivamente, l'organismo inizia lentamente a ritornare al ritmo normale (normotonia).


3a legge (sistema ontogenetico dei tumori e delle malattie oncoequivalenti)
Il cancro (e la malattia) sono una risposta biologica ad un ordine sensato del cervello: la malattia è un programma speciale, biologico e sensato della natura. A seconda del tipo di choc subìto vengono interessate parti del cervello e relativi organi. Ogni conflitto, cioè, ha un suo preciso contenuto, che si definisce nell'istante dello choc. La diversità di questo contenuto è quella che determina o l'accrescimento dei tessuti o la piaga, l'ulcera. Ogni organo è collegato ad un ben preciso "relè" nel cervello: nell'istante dello choc questo relè si attiva e la malattia si manifesta contemporaneamente a livello psichico, cerebrale e organico.
Nella fase attiva del conflitto (simpaticotonia), il cervello recente produce necrosi o ulcere nei tessuti, mentre il cervello antico produce tumori compatti con proliferazione cellulare. Invece, nella fase di soluzione del conflitto (vagotonia) succede il contrario: il cervello recente colma le necrosi e le ulcere (tramite virus, batteri, gonfiori e produzione di cisti) mentre il cervello antico riduce i tumori per necrosi (tramite funghi e micobatteri).
4a Legge (sistema dei microbi condizionato ontogeneticamente)
Ora i microbi assumono la funzione di eliminazione del tumore che, avendo esaurito il suo compito, non è più necessario e quindi ha smesso di proliferare. Dopo la soluzione del conflitto infatti inizia la fase di riparazione: saranno funghi e micobatteri che renderanno i tumori masse necrotiche senza più alcuno sviluppo, saranno invece virus e batteri che attiveranno la "cicatrizzazione" di piaghe e ulcere.


5a Legge (buonsenso biologico)
Il cancro, la malattia, è dunque una parte di un programma speciale, biologico sensato della natura. Non è (nel caso del tumore) una crescita casuale, dissennata e selvaggia di cellule impazzite, bensì un processo del tutto comprensibile e addirittura prevedibile che si attiene ai dati dell'evoluzione ontogenetica(1).
INTERVENIRE... DOLCEMENTE
Una volta si diceva: lasciate che la malattia faccia il suo corso. Secondo Hamer bisogna acquisire la lucidità necessaria per capire in quale fase ci si trova, prima di decidere alcunché. Se si è raggiunta la consapevolezza di questo percorso, ci si servirà di interventi clinici e farmacologici atti alla attenuazione dei sintomi fisici eccessivi o mal tollerati.
Intervenire con chemioterapia o radiazioni significa interrompere, alterare, squilibrare un percorso biologico, sensato e utile, che la natura ha stabilito che deve essere compiuto fino in fondo..........
Se il cancro e la malattia sono dunque la risposta biologica ad un ordine sensato del cervello, non esiste nessuna sostanza cancerogena che lo provoca (2), nessuna cellula impazzita, nessuna malattia incurabile che crea metastasi(3): conoscendo l'intero decorso della malattia e dei suoi processi ognuno di noi può essere il regista/protagonista della propria malattia.
Consigli:
1) razionalizzare che nulla è casuale.

2) capire quale choc ha dato origine al tumore.

3) capire in che fase della malattia ci si trova.

4) alla luce dei punti 1) e 2) riflettere su quanto sia ancora necessario fare, e quanto invece vada assolutamente evitato.


(1) Ontogenetica: l'evoluzione delle singole specie fino a quella umana si trova riproposta nella fase embrionale. Noi conosciamo nello sviluppo embrionale tre differenti foglietti da cui derivano tutti gli organi: l'endoderma (interno), il mesoderma (in mezzo), l'ectoderma (esterno). Ogni cellula dell'organismo ed ogni organo del corpo si può ricondurre per la sua formazione istologica ad uno di questi tre foglietti.
Endoderma (ed organi collegati) hanno il loro "relè" nel tronco cerebrale (la parte più antica) del cervello; in caso di tumore si avranno tumori solidi.
Mesoderma (le cellule del gruppo più antico) hanno il loro relè nel cervelletto e (le cellule del gruppo più recente) nel midollo cerebrale; in caso di tumore si avranno tumori solidi nel primo caso e necrosi o buchi nel secondo.
Ectoderma: ha il suo relè nella parte più recente del cervello, la corteccia cerebrale; in caso di tumore si avranno piaghe ulcerose.
(2) Sostanze cancerogene? secondo Hamer non esiste alcuna prova dell'esistenza di sostanze cancerogene. Le argomentazioni a sostegno di questa tesi sono:
1) non è possibile provocare tumori su organi le cui connessioni nervose con il cervello sono state tagliate (organi trapiantati)
2) le sostanze inoculate agli animali per indurre il cancro non inducono nulla se non c'è l'intervento del cervello. Esse possono distruggere, avvelenare ma non indurre il tumore.
La sperimentazione del fumo di sigaretta sui criceti e sui ratti conferma tutto questo:
* 6000 criceti esposti al fumo giorno e notte per sei anni hanno vissuto in media più a lungo dei loro confratelli non sottoposti al trattamento (secondo Hamer poiché abitano sottoterra non hanno codificato nel cervello un segnale di allarme per il fumo, e quindi non hanno acquisito, durante la loro evoluzione, "il programma speciale, biologico e sensato del pericolo fumo").
* Per i topi domestici avviene esattamente il contrario. Alla più piccola emanazione di fumo vengono presi dalla paura/panico di morire e fuggono perché, lungo il loro cammino evolutivo il fumo ha acquisito un segnale di allarme. Ne consegue che sui topi si può indurre un carcinoma alveolare al polmone provocato da un conflitto di paura della morte (ed è proprio per queste considerazioni che Hamer considera un'inutile tortura la sperimentazione su animali che si suppongono privi di psiche e di emozioni!).
Stesso discorso vale per la radioattività. Le radiazioni distruggono le cellule ma non provocano i tumori.
Per quanto riguarda l'alimentazione Hamer sostiene semplicemente che un organismo ben nutrito è in grado di reagire meglio ai conflitti.
Tratto da Nexus New Times ed. italiana n.26
(3) Metastasi: secondo Hamer le metastasi sono nuovi conflitti provocati da nuovi choc conflittuali, provocati cioè dallo choc di diagnosi e prognosi mediche apparentemente ineluttabili. Il paziente cui viene diagnosticato il cancro, cioè viene preso dal panico del "brutto male che prolifera in modo anarchico e dal quale apparentemente non c'è scampo", e "questo panico" sarebbe il nuovo choc all'origine di quelle che vengono chiamate metastasi.
(

Tratto da Nexus New Times ed. italiana n.26)

Stampa Email

Cosa dire di noi

Chi sono gli amici del Piccolo Principe è presto detto: “Oggi più che mai la nostra cultura ci porta continuamente a delegare le nostre scelte per quanto riguarda la nostra salute.......per questo evento c'è il medico. E così anche per la parte spirituale......c'è il prete, e la parte economica......c'è il commercialista e così via. Facciamo sempre più fatica a scegliere per la nostra vita o peggio ancora crediamo di scegliere quando invece non abbiamo sufficienti informazioni per poterlo fare.


AMICIDELPICCOLOPRINCIPE.COM

via Firenze, 33080 Porcia PN - Italia

+39 0422-85.02.03

+39 348-51.61.396

info@amicidelpiccoloprincipe.org


Prego, sentitevi liberi di contattarci!

Come trovarci?