Aumento di peso

Caro Helmut,
Nella mia testimonianza della costellazione del profugo (tuboli collettori renali) durante la crisi epilettoide, ho riportato che il mancato incontro con mio padre era stato la causa del mio DHS.
Allora ebbi una forte depressione e persi in pochi giorni più di 20 chili. Rimasi così depressa e magra finchè 9 mesi dopo non fui in attesa del mio 4° figlio. Non appena seppi della gravidanza smisi di prendere i farmaci antidepressivi (allora non conoscevo altro rimedio) e nonostante ciò mi sentivo sempre meglio. Non ero più depressa e avevo molto appetito e tutta la famiglia era felice. Mia madre diceva in continuazione che il bambino era una vera benedizione.
Solo la mia ginecologa non era contenta, diceva che avevo messo sù troppi chili e mi rinproverò perché non dovevo mangiare così tanto.
Ma cosa potevo fare? Mi ricordo ancora oggi quando eravamo a tavola durante i pasti, i miei 3 figli mio marito ed io, cosa mangiavamo e quanto era buono. Quando nacque, il bambino pesava solo 2,5 chili. Non era quindi il bambino la causa dell’aumento di peso.
In seguito quando iniziai a comprendere meglio la Medicina Germanica® mi fu chiaro il motivo dell’aumento di peso. Avevo semplicemente ripreso ciò che avevo perso durante la fase di conflitto attivo quando non mangiavo quasi nulla. Perché con la gravidanza il conflitto si era bloccato.
Se lo avesse saputo la mia ginecologa?
Cari saluti
PS. Dopo il parto non ritornai depressa ma rimasi normale per i 2 anni di allattamento e anche per 6 anni successivi. Dopo però ebbi un’altra grave depressione.
Nota di H. Pilhar:
La depressione non è vagotonica ma conflitto-attiva (simpaticotonica)!
La mancina ha una depressione dopo il suo primo conflitto del territorio. Tutti gli altri sono in depressione se sono in una costellazione schizofrenica che significa che queste persone hanno almeno 2 conflitti, cioè sono in attività conflittuale duplice!
Questa testimonianza mostra che la donna, in genere, con la gravidanza risolve i conflitti. Per la futura mamma inizia con il bambino una nuova fase di vita e i problemi in essere si risolvono spesso perché privi di interesse. Un figlio è per la donna il certificato di soluzione del conflitto!
La politica della nostra società di fare pochi figli e la cultura del vivere da single ci porta non solo in un vicolo cieco (con una natalità di 1,3 figli per coppia da decenni ormai siamo sulla strada dell’estinzione); il nostro stile di vita ci rende anche estremamente infelici.
(www.pilhar.com)

Stampa Email

Cosa dire di noi

Chi sono gli amici del Piccolo Principe è presto detto: “Oggi più che mai la nostra cultura ci porta continuamente a delegare le nostre scelte per quanto riguarda la nostra salute.......per questo evento c'è il medico. E così anche per la parte spirituale......c'è il prete, e la parte economica......c'è il commercialista e così via. Facciamo sempre più fatica a scegliere per la nostra vita o peggio ancora crediamo di scegliere quando invece non abbiamo sufficienti informazioni per poterlo fare.


AMICIDELPICCOLOPRINCIPE.COM

via Firenze, 33080 Porcia PN - Italia

+39 0422-85.02.03

+39 348-51.61.396

info@amicidelpiccoloprincipe.org


Prego, sentitevi liberi di contattarci!

Come trovarci?