Il nucleare? Non con i miei soldi!

Il nucleare? Non con i miei soldi!

To Ai Ministri dell'Energia e alla Commissione Europea

La Petizione

L’energia nucleare è pericolosa ed inquinante. Su di essa non ci dovrebbe essere speso neanche un centesimo dei contribuenti europei. Mettete fine a tutti i piani a sostegno dell’industria del nucleare che scommette a caro prezzo con i nostri contributi fiscali e con la nostra salute.

Perchè è importante?

Delle figure potenti tra i decisori dell’UE stanno dando retta alla lobby dell’industria nucleare. E ci vogliono riportare all’era nucleare, il periodo in cui le persone in Europa vivevano all’ombra di reattori letali che producevano scorie radioattive.

Lo rende chiaro un documento dalla Commissione Europea recentemente divulgato a seguito di una fuga di notizie [1]: l’industria vuole il sostegno all’energia nucleare e desidera ottenerlo dai soldi dei contribuenti dell’Unione Europea.

La prossima settimana si incontreranno i ministri dell’energia dell’UE. Questo è il momento per far sentire forte e chiaro la nostra opposizione alla produzione di nuova energia nucleare in Europa. Chiediamo ai nostri ministri e alla Commissione di rinunciare a tutti i piani a sostegno dell’industria del nucleare che scommette a caro prezzo con i nostri contributi fiscali e con la nostra salute!

Più Informazioni

Il documento divulgato a seguito della fuga di notizie intende guidare la Commissione nel decidere il futuro del settore energetico nell’UE, ma la voce del pubblico europeo è stata palesemente assente dalla discussione. La lobby del nucleare dovrebbe poter dire la sua opinione su come l’UE investe i nostri contributi fiscali e essere in grado di scommettere con la nostra sicurezza?

L’energia nucleare non è solo un enorme rischio per la sicurezza: è anche estremamente costosa. I costi sono così alti che nessuna azienda privata sosterrebbe il nucleare senza la promessa di ricevere ampie sovvenzioni dalle casse pubbliche. Avendo imparato la lezione dai terribili disastri di Chernobyl e Fukushima [2, 3], molti paesi europei, incluso l’Italia, si sono già impegnati ad eliminare progressivamente l’energia nucleare. Stanno invece sostenendo le tecnologie per produrre energia rinnovabile pulita, dando la priorità alla salute e alla sicurezza delle persone e dell’ambiente rispetto agli interessi particolari delle lobby aziendali.

Se ci mettiamo insieme ora prima che qualsiasi cosa venga scolpita nella pietra per opporci all’idea di sostenere nuovi investimenti nel nucleare con soldi pubblici, i decisori dell’UE potranno ancora fare la scelta giusta e rinunciare a tutti i piani di finanziamento all’energia nucleare. Ma per riuscirci, abbiamo bisogno che tutti si attivano! L’UE dovrebbe fare da apripista per l’energia rinnovabile pulita e sostenere le fonti di energia su piccola scala e di proprietà della comunità. Si dovrebbe rifiutare di dare poteri maggiori alle corporazioni che rischiano volentieri i nostri contributi fiscali e la nostra salute pur di ottenere profitti.

Firma ore per dire 'no' ai finanziamenti all’energia nucleare con i nostri contributi fiscali

[1] La bozza di dichiarazione d'intento dell'Ue (in inglese)

[2] Più informazioni sul disastro di Chernobyl

[3] Più informazioni sul disastro di Fukushimar


Firma cliccando qui: il nucleare no con i miei soldi. Grazie!

 

Stampa Email

Cosa dire di noi

Chi sono gli amici del Piccolo Principe è presto detto: “Oggi più che mai la nostra cultura ci porta continuamente a delegare le nostre scelte per quanto riguarda la nostra salute.......per questo evento c'è il medico. E così anche per la parte spirituale......c'è il prete, e la parte economica......c'è il commercialista e così via. Facciamo sempre più fatica a scegliere per la nostra vita o peggio ancora crediamo di scegliere quando invece non abbiamo sufficienti informazioni per poterlo fare.


AMICIDELPICCOLOPRINCIPE.COM

via Firenze, 33080 Porcia PN - Italia

+39 0422-85.02.03

+39 348-51.61.396

info@amicidelpiccoloprincipe.org


Prego, sentitevi liberi di contattarci!

Come trovarci?